Chi Siamo/Who we are

Featured

Chi siamo, basato su una parodia della sigla di “Attenti a quei due”

Who we are, based on a spoof of “The Persuaders”

Advertisements

Against Outsourcing

22818-04-1000OK OK, before you switch the flame mode on, this post is against “excessive” outsourcing and the way it is mostly used now (and since several years).

My point is that, initially (and theoretically) invented to improve quality and efficiency it has quickly become a tool for companies to merely reduce costs and avoid responsibilty . All this to the expenses of clients, workers and other stakeholders.

Who would argue that a corporation would be better off in assigning the office cleaning services or the catering in the internal cafeteria instead of hiring and equipping the necessary staff? Obviously no one.

Technically, and so the outsourcing evangelist say, the same apply to other specialist services, such as customer services, delivery, maintenance…but here the problems begin. The more entities you add to the process, the more complicated it becomes. Despite the almost blind faith in modern communication technology, each step means loss of information. Each “layer” adds to the need for “coordination”, a difficult and time consuming task. As american engineers would say….too many moving parts. Too bad they are often the strongest advocate of this kind of process re-engineering.

So you either lower the quality or increase costs. Guess what most companies choose to do? Obviously lower quality to the customer, also considering that they will enthusiastically deny responsibility for any problem. Nowadays it is difficult enough to speak to a real person from customer service and, once you succeed, it is common to hear that “we are sorry, but you should call company XYZ, that is handling this service”…and responsibility for any problem is easily bounced back between the two. After some time, once the problem is sorted out, the explanation would b that “there has been a miscommunication”…Ohh really? No shit Sherlock!

In practice, these, often cascading, layers of subcontracting make it impossibile for the clients to pinpoint who is responsible for the problem and its solution. Companies feel “safe” to save money assigning services to dubious providers (dubious in terms of skills, business and labor practices…). Sure, any problem would somehow reflect negatively on them, but the more layers there are in between, the easier would be to claim that “they have done everything they could”.

And this just from the customer side and not to enter in the labour side of the issue.

What was sold to be a win win situation is often a lose lose situation since, all things considered, even the company doing the outsourcing at the end will be worse off. But by then the process re-engineering consultants would have gone and, if asked, woud say that the problem was in poor implementation.

PS what has the picture to do with the article? My grandfather, and all my ancestors on my father’s side, were ebanists. They were, in modern terms, vertically integrated. They designed the pieces, prepared the tools, cut and finished the pieces, assembled the final product. Imagine the mess if they had to assign each step to a separate person (let alone an unpaid stageur…). Do you thing the dove-tailing would have been so precise?

Branding vs. Taking advantage of a disabled person

“What is the price of the fountain?”

“Ten million and it’s yours!”

Totòtruffa ’62 (1961) – Camillo Mastrocinque – D.D.L. Production

 

The value of a brand is high for real reasons: a technology, the materials, the manufacturing process, the design, the rarity… it is possible to give a price to that value. Obviously, I can have a great brand for a one-dollar soft drink, and for a one-million-dollar car. The point of the matter is that, for both, I pay a higher price because of the brand, but the higher price is linked to the actual value of the product: the particular taste of the soft drink, the car technology, the style of the car body, the particular functionalities of the laptop..

If I get a bag that costs 30 dollars to produce, maybe 50 dollars counting everything, even some wonderful (copied) creativity, and I succeed in selling it for 3000 dollars, well, this is not brand value. This is a fraud.

I can hear it: “What are you saying?! Someone bought it! It means that for that consumer it was “worth” 3000 dollars,” “thanks to that bag she felt good!”

Even when, in a famous Italian comedy, that cheater convinced an American tourist to become the owner of the Trevi Fountain in Rome, and succeeded in selling it to him, the tourist was convinced that he got a bargain. And, for a while, he probably felt good as the owner of such an historic treasure.

I believe that, on the one hand, there is fraud; on the other, there could be “the taking advantage of a disabled person”.

 

No shortcuts: to create and develop a brand means to work on the product, on its characteristics, on its functionalities, on its features. Of course I also have to make her feel that with my bag she will get a bit of Audrey Hepburn glamour, but it cannot be all based on nothing. There are attaché cases in English bridle leather, hand stitched around a steel frame. They cost a lot, but are masterpieces of craftsmanship.

If I am so good at convincing a consumer to spend a huge amount of money on something that is worth nothing, I am not good, I am cunning. Very cunning, like that cheater in the Totò movie.

“Brand” is not an empty container where I can put anything, where I can then boast any value, since everything is debatable…and possibly I will invoke “art”, the “imponderable,” “feelings.” And then I add many English buzzwords, and everything becomes attractive.

Branding does not mean “taking advantage of a disabled person”.

GC

 

 

 

Capodanno a Colonia: La fiera dell’Ipocrisia

Ragazza americana a Roma

Un articolo, per una volta, legato alla cronaca sociale e politica e non a quella economica.

Mi riferisco ai “fatti di Colonia” che hanno tenuto banco negli ultimi giorni su tutti i media, scatenando, prima ancora che fossero chiari (e ancora non lo sono) i fatti, conclusioni e commenti di ogni tipo.

Innanzitutto alcune premesse, che dovrebbero essere del tutto implicite e superflue, ma non lo sono presso un folto numero di lettori, che puntualmente equivocano e distorcono, ritengo, più per malafede che per reale mancanza di comprensione. Spero sia malafede in quanto chi è in malafede ogni tanto si riposa, il cretino mai. Quindi:

  • Quanto successo a Colonia è grave e condannabile, chiunque siano i responsabili e quali che fossero le motivazioni (furto o molestia)
  • Molestie, aggressioni, stupri sono gravi in sè. Non esiste, dal punto di vista morale, un concetto di “modica quantità”
  • Rispetto per le diverse culture non vuol dire rinuncia a valori che da tempo cerchiamo di rendere parte integrante della nostra cultura (non sempre lo sono, neanche “da noi”) come laicità, emancipazione femminile, libertà sessuali etc.
  • Quali che siano i fatti ed i protagonisti di Colonia, che le culture nord africane e medio orientali, e diciamo anche, con varie sfumature, l’Islam, promuovano un concetto di relazione uomo donna per noi arcaico ed inaccettabile è assodato. Si tratta di capire le differenze fra posizioni moderate, non peggiori di certa mentalità nostrana e di certa morale cattolica e le posizioni radicali, comunque motivate.
  • Quei comportamenti rimangono gravi anche se chi li critica e li denuncia lo fa strumentalmente, spesso ha ignorato o giustificato comportamenti analoghi ed è portatore di una cultura non troppo diversa, forse solo un po’ più addomesticata, suo malgrado, da secoli di battaglie civili (di altri, contro di loro).

Aggiungo anche una ulteriore premessa, direi un “coming out”, a chiarire maggiormente il background che sottende il mio pensiero: non ho alcuna simpatia o affinità per l’Islam o per le culture nord africane e medio orientali. Mi irritano molti aspetti della “cultura” meridionale, figuriamoci quanto posso sentirmi vicino a quelle della sponda sud del mediterraneo. Oltre a vedere gli aspetti positivi delle diverse culture, mi sforzo di esercitare la TOLLERANZA. La tolleranza si esercita verso coloro che sono diversi e “non ci piacciono”. Io, che amo la cultura ebraica, non posso essere “tollerante” verso gli ebrei, visto che ho affinità/passione per quella cultura (cosa che non mi impedisce, piaccia o non piaccia, di avere forti critiche su quanto accade da troppi anni in Israele).  Mi sforzo di essere tollerante verso i ROM, che istintivamente “non mi piacciono”. Tollerante per me vuol dire in primis il contrario di “prevenuto”: non accettare il furto come parte della cultura ROM (o la molestia come parte della cultura nord africana, tanto per cominciare a entrare nel tema), ma non dare per scontato che un individuo solo perchè Rom sia un ladro o solo perchè arabo un molestatore.

I Fatti

Ecco i fatti, appunto. Non sono ancora chiari. La miglior sintesi ad oggi, 9 gennaio, la trovate qui, in questo articolo di Internazionale.

Non ripeto quanto potete trovare lì, ma osservo come i commentatori si siano gettati a capofitto riportando fatti del tutto distorti:

 Magdi Allam: “a Colonia un migliaio di clandestini musulmani hanno dato l’assalto a un’ottantina di giovani tedesche nella notte di Capodanno, violentandole, picchiandole e molestandole sessualmente.”

Oppure, per non farci mancare nulla, Matteo Salvini “le centinaia di schifosi che hanno aggredito e violentato decine di donne in Germania la notte di Capodanno ”

U. Gümpel, giornalista tedesco, ridimensiona e ricontestualizza: “31 indagati, 18 dei quali Richiedenti Asilo Politico, dei 31 indagati sono 9 Algerini, 8 Marrocchini, 4 Siriani, 5 Iraniani, un Serbo, uno dell’Iraq, un Americano e due tedeschi…Le indagini sono allo stato per furto e violenza. Sulla traccia degli indagati si è arrivati seguendo i cellulari rubati, molti sono stati trovati dentro o nelle vicinanze dei alloggi per richiedenti asilo.
Due persone arrestate per violenza carnale ai danni du due minorenni in un altro luogo nella stessa notte, ma con Colonia non c’entrano niente.”

I Commenti

Dalle prime ore, sulla base di notizie scarse, contraddittorie e confuse, si è montata una gazzarra di commenti strumentali sia da destra che da sinistra:

  • A destra non è parso vero di avere un nuovo pretesto per soffiare sul fuoco della xenofobia e contro le politiche di accoglienza dei migranti
  • A sinistra si è colta la palla al balzo per dire qualcosa in sintonia con il mood della nazione (paura dello straniero) e forse con proprie inconfessate pulsioni, con il perfetto alibi di difendere altri diritti e valori “di sinistra”.

Fra i primi Pigi Battista (qui l’articolo sul Corriere) che parte a testa bassa parlando di “rito di umiliazione organizzato, coordinato, diretto a colpire quello che oramai comunemente viene definito uno «stile di vita»”. E poco importa se, come sembra stia emergendo, il movente primario fosse la rapina, le donne un target considerato più facile e le molestie un elemento di “distrazione” per facilitare il furto. O addirittura sostiene che “Colonia ha lo stesso significato di aggressione simbolica dell’irruzione fanatica nella redazione di Charlie Hebdo : lì veniva scatenata un’offensiva mortale contro la libertà d’espressione, considerata un peccato scaturito nel cuore del mondo infedele; qui contro la libertà della donna.” Amen.

Si accoda anche Gad Lerner, che dice “Ha ragione Pierluigi Battista sul “Corriere della Sera” di oggi: sarebbe pericoloso sottovalutare quanto avvenuto la notte di capodanno a Colonia, perchè si tratta di una “prima volta” intollerabile.”

Oggi, ultimo ma non in ordine di importanza, Aldo Cazzullo mette il suo “carico da 11! (qui l’articolo su un Corriere della Sera sempre più sensazionalista), ricalcando e rimarcando quanto già sostenuto da altri: “Sono un attacco culturale alla nostra libertà e alla nostra civiltà” e, restando serio, riesce a criticare “la minimizzazion dell’episodio” (dopo giorni e giorni di commenti, servizi, e sermoni) “stavolta si è davvero passato il segno. Odiosi tentativi di minimizzare: in fondo era la notte di Capodanno, si sa che tutti bevono, alla fine c’è stato un solo stupro”, quando in realtà erano “loro” che avevano parlato liberamente di 80 donne struprate da 1000 immigrati…

Di  “scontro di civiltà” parla anche Lucia Annunziata (qui il suo intervento sull’Huffington Post) , considerando l’episodio “tanto più grave perché qui non si tratta di Isis, qui non siamo di fronte a nessuna motivazione religiosa”. Ma il suo articolo sembra più lucido in quanto focalizza il problema del “mix” demografico dei flussi in ingresso. Come altri da tempo segnalano, oltre e più che dagli aspetti culturali, che pure esistono, i problemi nascono da flussi con prevalenza di giovani maschi, senza famiglie, senza genitori.

Per finire in bellezza con Dacia Maraini che parla di “Un atto di guerra. Una guerra di sesso, misogina, contro le donne viste come prede”, pur all’interno di un articolo (qui) più ragionevole del suo incipit.

E fino a qui ho citato voci sostanzialmente “di sinistra”, che hanno preso posizione dovendo soppesare “valori” e priorità entrati in apparente conflitto: accoglienza, multiculturalità vs. diritti delle donne (in questo caso). A destra è un latrare di proclami a difesa delle “nostre donne” (senza minimamente rendersi conto che questa espressione colloca chi la usa sullo stesso piano formale di coloro che sta attaccando).

Pur sapendo bene quanto siano strumentali, è quasi commovente vedere tanto ardore nel difendere i diritti delle donne, da parte di chi per ogni caso di violenza carnale, a meno che il sospetto non fosse extracomunitario, ha sempre argomentato che “lei però se l’è cercata” in quanto in giro la sera tardi oppure per aver indossato una minigonna, che sostengono che “se una ha i jeans allora non può essere stupro, il rapporto è consenziente”

Beh, l’idea l’ho data, non voglio fare la rassegna stampa del caso, ancora in pieno svolgimento. Passiamo alle riflessioni.

Cosa Penso?

Ribadito quanto nelle premesse, per me il caso è in primo luogo un caso di ordine pubblico. Di un “fail” macroscopico confermato dalle dimissioni del capo della polizia.

  • L’area attorno alla stazione di Colonia, come quella di quasi tutte le stazioni del mondo, sono aree a rischio o, per usare un linguaggio antico, poco raccomandabili.
  • Permettere che si raggruppino, senza controllo, centinaia, migliaia di individui, significa creare la premessa per un disastro che può solo essere aggravato dall’alcool e/o dall’infiltrazione di gruppi organizzati tesi al crimine o alla provocazione.

Non sappiamo fino a che punto le molestie erano “fini a se stesse” o diversivi per permettere la rapina. Sembra che, nella folla, operassero gruppi organizzati. Non sono incline al complottismo, ma non bisogna nemmeno escludere a priori qualcosa di organizzato e posso avanzare, senza aver ancora elementi a supporto o a smentita, alcune ipotesi sul chi erano e perchè sono stati lasciati fare.

Erano solo “emarginati” resi più aggressivi dall’alcool? Qualcuno ha procurato deliberatamente tale alcool e dato fuoco alle polveri in modo intenzionale? Lo ha fatto per compiere i propri crimini (rapine) o per realizzare (ci sarebbe riuscito perfettamente) una grande provocazione? In questo secondo caso i possibili “mandanti” potrebbero stare sia fra gli estremisti islamici sia fra gli xenofobi tedeschi. Perchè la polizia non era preparata? Semplice errore o, in qualche modo, strumento di chi aveva interesse a mettere in discussione la politica di accoglienza della Merkel? Sono tutte cose che andranno analizzate.

Da che pulpito

Ripeto che certe culture abbiano una visione arretrata del ruolo femminile non aveva bisogno di questi fatti per essere risaputo. Questi fatti non devono essere per noi pretesto nè per sentimenti di supposta superiorità nè per promuovere politiche xenofobe.

Dell’ipocrisia di fascisti e “benpensanti” che difendono per principio “i nostri ragazzi” dalle accuse di “quella puttanella”, che difendono la famiglia e l’infanzia e poi vanno a Fortaleza a cercare le bambine abbiamo già detto. Ma parliamo di cose più generali. Da che pulpito predichiamo?

In Italia lo stupro è reato contro la persona solo dal 1996. Fino al  1996, in base al Codice Rocco,  la violenza sessuale ledeva la moralità pubblica e il buon costume. L’articolo 544 del codice penale che ammetteva il “matrimonio riparatore” è stato abolito solo nel 1981: secondo questo articolo, l’accusato di delitti di violenza carnale, anche su minorenne, avrebbe avuto estinto il reato nel caso di matrimonio con la persona offesa. Da poco abbiamo celebrato l’anniversario della “ribellione” di Franca Viola che segnò un’evoluzione nel costume italiano, e siciliano in particolare. Franca era una giovane che nel 1965, a 18 anni, venne sequestrata e violentata per più giorni da Filippo Melodia, suo spasimante sempre respinto, il quale probabilmente contava anche sulla clausola del matrimonio riparatore, che Franca rifiutò.

Solo nel 1981 è stato abolito il “delitto d’onore”, che prevedeva ( art. 587) che
Chiunque cagiona la morte del coniuge, della figlia o della sorella, nell’atto in cui ne scopre la illegittima relazione carnale e nello stato d’ira determinato dall’offesa recata all’onor suo o della famiglia, è punito con la reclusione da tre a sette anni. Alla stessa pena soggiace chi, nelle dette circostanze, cagiona la morte della persona che sia in illegittima relazione carnale col coniuge, con la figlia o con la sorella.

Non parliamo del medio evo, parliamo di “ieri”.

Senza voler fare la conta di tutte gli stupri che avvengono, in alcuni contesti si tratta di veri problemi “culturali”: ad esempio esercito e università…

Emrgenza Stupro

Emrgenza Stupro

Una ragazza su 5 ha subito molestie

Una certa “cultura” non è quindi limitata agli strati culturalmente e socialmente svantaggiati. Ricordiamo due pubblicità “patinate” che mandano tuttavia un chiaro messaggio:

12512524_10205640866044104_1520095425257734278_n 12473875_10207175957231504_2882721750885440791_o

Abbiamo visto su you tube i video delle reazioni al passaggio di una ragazza sulle “nostre” strade (per quanto l’esperimento abbia tristi risultati se ripetuto con gay, donne in hijab, ebrei ed ogni altra “minoranza”)…

Se siete donne provate a passare da un cantiere di costruzione, che sia popolato di muratori della val Trompia, della Sila o dell’Ohio la reazione non sarà molto diversa nè molto edificante. E sotto una prima scorza di apparenza, anche i “ragazzi bene”, abbiamo visto, non sono molto diversi…

Del resto con tutto il gran parlare di Colonia si dimentica l’Oktoberfest, Dice una ragazza in un servizio di VICE reperibile qui “Il solo tragitto verso il bagno diventa una sfida. Uomini sconosciuti che cercano di abbracciarti, pacche sul sedere, tentativi di alzarti la gonna e una pinta versata di proposito nella scollatura sono il bilancio di soli 30 metri,” scrivevano Karoline Beisel e Beate Wild nel 2011 sulla Suddeutschen Zeitung  In media a ogni Oktoberfest vengono denunciati dieci stupri—e si dice che quelli non denunciati arrivino anche a 200″

E Allora?

Contrariamente a quanto ci vogliano far credere ormai in tutti i campi non ci sono ricette semplici sicure e veloci. Certo non ne ho io (nè è il mio compito).

Certamente occorre approfondire i fatti e poi ragionare in base alla razionalità e non alla pancia.

Credo che, a parte l’episodio in sè, un caso come dicevo di ordine pubblico, il tema più ampio dell’inserimento e integrazione possa essere forse affrontato su due piani:

Promuovendo l’arrivo di un mix bilanciato di famiglie rispetto a maschi single, attraverso il rilascio di permessi di ingresso facilitati e ricongiungimenti familiari

Promuovere l’assimilazione “per contatto”. Più facile a dirsi che a farsi. Occorre, anche qui, moderazione. Salvo reazioni di rigetto estremo, che rimangono nel campo della patologia, il nostro stile di vita è mediamente “vincente” sulle nuove generazioni. Fissate certe regole minime di convivenza, forzare troppo i nostri valori sui nuovi arrivati credo sia controproducente rispetto ad un “contagio” più lento ma più profondo per assimilazione.

Non sono passati molti anni, l’ho visto io di persona, quando padri italiani della provincia veneta profonda o del sud Italia imponevano a mogli e figlie regole non troppo diverse (orari, frequentazioni, abbigliamento) da quello che molti padri islamici impongono oggi alle loro figlie. Non sto parlando dei casi estremi, dei radicali (ahimè in crescita) ma della massa degli immigrati che si stanno inserendo da noi: i padri delle compagne dei nostri figli a scuola  o all’asilo.

Questo se non si creano ghetti (come le banlieu) dove sotto una sottile copertura di integrazione cresce la discriminazione e la frustrazione che portano a rifugiarsi nel fanatismo. Ed il fanatismo interpreta la tolleranza e l’apertura per debolezza. Ma noi dobbiamo essere aperti e tolleranti per l’altro 99%. E dobbiamo esserlo non per buonismo ma per convenienza. E’ l’unico modo.

 

Branding o Circonvenzione di incapace

 “Ma quanto costa la fontana?”

“Con dieci milioni te la cavi”

Totòtruffa ’62 (1961) – Camillo Mastrocinque – Produzione D.D.L.

 

 

Il valore di un brand è elevato per ragioni oggettive e reali: una tecnologia, i materiali, le lavorazioni, la creatività nel design, la rarità…A quel valore posso associare un prezzo. Ovviamente posso avere un grande brand su una bibita da 1 euro, come su un’ auto da mezzo milione. Il punto è che, sia per la bibita che per l’auto, pago un prezzo più elevato per il brand, ma commisurato al valore oggettivo del prodotto: il gusto della bibita che è particolare e mi piace, la tecnologia dell’auto, lo stile della carrozzeria, le funzionalità uniche del computer, etc.

Se prendo una borsetta che mi costa produrla 30 euro, arrivo a 50 aggiungendo tutto il possibile, ci metto pure quel popò di creatività (scopiazzata) e la riesco a vendere a 3000, questo non è valore di un brand. E’ una truffa.

Posso sentirlo: “Ma cosa dici?! Qualcuno l’ha comprata! Vuol dire che, per quella consumatrice “valeva” 3000 euro”, “grazie a quella borsetta lei si sentiva bene!”.

Anche quando, in un famoso film italiano degli anni 60, il truffatore convince il turista americano di possedere la Fontana di Trevi, e riesce a vendergliela, il turista è convinto che sia un affare. E per un po’ si è sentito bene, possessore di una meraviglia della storia.

Credo che da una parte sia una truffa, dall’altra sia “circonvenzione di incapace”.

Non esistono scorciatoie: creare e valorizzare un brand significa lavorare sul prodotto, sulle sue caratteristiche, sul suo valore. Certo devo anche far sentire che forse con quella borsetta avrò una piccolissima parte del glamour di Audrey Hepburn, ma non può essere tutto basato sul niente. Ci sono cartelle da lavoro in cuoio inglese costruite a mano intorno ad un’unica, sottile fascetta di metallo. Costano molto ma sono capolavori di artigianato.

Ma se sono così bravo da convincere un consumatore a spendere una cifra enorme per qualcosa che è nulla, non sono bravo, sono furbo. Molto furbo, come quel truffatore del film di Totò.

“Brand” non è un contenitore vuoto dove posso mettere qualsiasi cosa, dove posso millantare qualsiasi valore, tanto è tutto opinabile….ed eventualmente mi appello all’arte, all’imponderabile, alle emozioni, …E poi ci metto tante parole inglesi, e tutto diventa bello.

Branding non significa “circonvenzione di incapace”.

GC

Sul Mercato, Stalin e Diete Improbabili

b8a768bceb52c5df7fdcded07d451ba6Cosa lega concetti tanto diversi? Più di quello che potremmo pensare, almeno a seguire le discussioni accese fra i sostenitori del “libero mercato” da un lato ed i suoi detrattori dall’altro.

Negli anni 70 a Bologna, in PiazzaMaggiore ed in via Orefici, di fronte al bar Otello, si radunavano capannelli di vecchietti, gli “umarell”, che discutevano di politica.

Coloro che, di solito in totale buona fede e con una forte dose di idealismo, predicavano le magnifiche sorti e progressive del comunismo, venivano puntualmente “attaccati” citando l’URSS di Beppe Stalin come esito ineluttabile della loro ideologia.

Con altrettanta puntualità, questi rispondevano sdegnati che “quello non era il vero comunismo” ma un regime “capitalista” ben lontano dal modello sociale di cui usurpava il nome.

Oggi, i sostenitori del “libero mercato” si comportano allo stesso modo di fronte alle evidenti conseguenze del “tracimare” dell’ideologia (neo)liberista. Da oltre 20 anni si privatizza, si “riduce lo stato” , si “liberalizza”, si “de regolamenta” si “de sindacalizza”. E’ aumentato a dismisura il gap fra ricchi, sempre più ricchi, e poveri, l’economia non cresce. Nei mercati “privatizzati”, in cui la mano invisibile avrebbe dovuto sanare magicamente ogni problema sono in genere aumentati I prezzi, è peggiorato il servizio e sono cresciuti solo i profitti ed i bonus del management (ad esempio: autostrade, Aeroporti, Acqua…). Il problema, ci viene detto, non è che siamo andati troppo oltre e c’è troppo “mercato”, tutto è mercificato, oggetto di valutazione e scambio monetario, è che “non ce n’è abbastanza”. La soluzione si troverà bevendo di più di questa medicina, nonostante gli evidenti “effetti collaterali” della terapia ed I suoi scarsi risultati.

E le diete cosa c’entrano? Il c.d. “pensiero unico liberista”, da tempo predica la sua ricetta, che nei fatti giustifica, quando non incentiva, comportamenti che il senso comune trova moralmente inaccettabili: aziende “sane” che licenziano e delocalizzano, distruggendo intere comunità, non per sopravvivere ma per “massimizzare il valore per gli azionisti”, ragazzini rampanti che acquistano I diritti di medicine (che non hanno inventato) e ne aumentano il prezzo del 5000% in una notte, Amministratori Delegati che ricevono bonus stratosferici anche a fronte di performance negative per l’azienda (e taciamo l’impatto sulla collettività). Tutto questo, ci viene detto, ha in realtà effetti benefici per tutti. Un po’ come coloro che si illudono di poter dimagrire con quelle diete improbabili “perdi 10 kg in una settimana mangiando solo cioccolata”. O che giustificano con la moglie il loro desiderio per l’auto di lusso dicendo che “prendo la Mercedes perchè non si svaluta”.

A fronte all’evidenza di certe distorsioni, i “moderati” ammettono la necessità di mettere dei limiti, delle regole, a tutela dei più deboli e per correggere alcune “market failure”. Passando dai “principi” alla applicazione pratica si innesta però un gioco simile a quello delle tre tavolette di cui magari parliamo un’altra volta.

AP

Slides

Ho fatto il consulente (“di Alta Direzione” ci piaceva dire) per molti anni. Lavoro molto interessante e molto ben pagato. Tra le varie particolarità, ce ne era una che oggi mi fa fare qualche riflessione. Il prodotto visibile del nostro lavoro erano le “slides”. Parlavamo sempre e solo di quello, le slides: “queste sono le mie slides per il flow”, “hai dato le slides alla production?”, “fai una slide sull’effetto scala”, “queste slides fanno cagare” (il partner all’associato, o quello un po’ più senior nella migliore tradizione di nonnismo). Avete capito.

La cosa strana (siamo agli inizi degli anni novanta) è che, fuori dal nostro mondo, nessuno usava il termine “slide”. I clienti più smaliziati usavano al massimo”chart”, perchè non se la sentivano di usare il termine “slide”. Era come se, oggi, parlando con un amico, iniziassimo a usare i temini che usano i figli adolescenti, oppure come se parlassimo con delle espressioni tratte da un film con De Niro sulla mafia. Si sarebbero sentiti ridicoli.

C’era poi sempre la solita dinamica: il cliente che parlava male della consulenza (“teorici”, “non sanno fare niente”, “ mettono su carta quello che gli abbiamo detto noi”, etc etc) ma poi pagava, contento, contento, 2000 (duemila) euro al giorno per un associatino poco più che neolaureato, e 8000 (ottomila) euro al giorno per il partner (che volava di qua e di là e che lo si vedeva una volta ogni morte di papa).

Sono passati più di 20 anni. Qualcuno, evidentemente, ha parlato delle “slides” in giro: sono dappertutto!

Il politico usa le slides e non ha vergogna a mostrarle (ovviamente slides indecorose e malfatte: se l’associatino di prima avesse fatto una slide così, sempre lo stesso partner lo avrebbe buttato dalla finestra del terzo piano in piazza Duomo). Con pochi decenni di ritardo, abbiamo scoperto questa mirabolante forma di comunicazione. Ma non nella sua sostanza, ( ci metto dei numeri e delle analisi per far capire un “flusso” logico di ragionamento) solo nella forma (tante belle “piechart”, tanti bei colori, qualche punto esclamativo, etc etc.). Comunicazione solo per comunicazione.

E nelle aziende? Peggio ancora: tutti fanno slides, dal primo all’ultimo. E tutti sono capaci di usare in maniera strabiliante i software per fare le slide (per disegnarle, intendo): animazioni, colori, effetti speciali. Cosa metto dentro alla slide passa in secondo piano.

Oggi, nelle aziende in cui lavoro (alcune molto grandi, alcune molto piccole), mi trovo spesso in difficoltà: tutti che arrivano con pacchi spaventosi di slides (per gli amanti del genere, vi svelo un termine che tra qualche anno semmai arriverà: il “deck” di slides), riunioni sempre con presentazioni esteticamente perfette. Non ho mai visto tante slides in vita mia come in questi ultimi anni, e fatte da non consulenti. Perché siamo tutti diventati consulenti: sempre, però, continuando a parlarne male. Un po’ invidiandoli, un po’ disprezzandoli, ma sempre pagandoli molto bene. Quello che li disprezza, ora sa fare le slide meglio di loro, ma continua a comprarli, pagandoli al giorno quello che lui prende in un mese.

Ma vuoi mettere la soddisfazione?

GC